martedì 8 novembre 2016

Bela Lugosi - Biografia di una metamorfosi

Mi è capitato fra le mani questo interessante libretto di Edgardo Franzosini, edito da Adelphi, che racconta la vita di uno degli attori più iconici della prima metà del ventesimo secolo: l'ungherese Béla Blaskó, meglio noto con il nome di Bela Lugosi e comunemente associato con il personaggio del conte Dracula, che interpretò più volte a teatro ma soprattutto al cinema, nella versione del 1931 diretta da Tod Browning. Attore non particolarmente dotato, ma con un fascino magnetico e un carisma senza pari, Lugosi finì con l'identificarsi a tal punto con il "suo" personaggio che al momento della sua morte, nel 1956, pare abbia pronunciato queste testuali parole: "Io sono il conte Dracula, io sono il re dei vampiri, io sono immortale". Fra storia e leggenda, mistero e psicologia, il libro cerca di comprendere le ragioni e le dinamiche di questa totale identificazione (o metamorfosi, se vogliamo credere che Lugosi fosse diventato davvero un vampiro!). Ed è reso ancora più interessante dalle numerose divagazioni che seguono per poche pagine altri personaggi la cui esistenza e le cui opere sono indissolubilmente legate a quella di Lugosi (come Bram Stoker, Henry Irving, Tod Browning), o che affrontano temi – naturalmente da collegare fra loro – come il vampirismo, l'arte della recitazione, il cinema stesso, l'immortalità.

giovedì 3 novembre 2016

Le nozze di Figaro (La Scala 2016)



Che il paragone con lo storico allestimento di Giorgio Strehler sarebbe stato difficile da reggere, già si sapeva. Ma la nuova produzione de "Le nozze di Figaro" di Mozart, in scena in questi giorni alla Scala (con diretta televisiva ieri sera della terza rappresentazione), non sembra aver incontrato i favori del pubblico, che si è mostrato abbastanza freddino, contestando esplicitamente la regia e la direzione d'orchestra, soprattutto dopo i primi due atti, e riservando gli applausi soltanto per i cantanti. La regia del giovane Frederic Wake-Walker è sembrata troppo confusa, un "mischione" di stili e di suggestioni talmente diverse fra di loro da risultare, alla fine, priva di una vera identità. L'idea era quella di sottolineare al massimo la "teatralità" della vicenda: ecco dunque apparire in scena suggeritori e comparse che si muovono dietro le quinte, costringere i personaggi a pose e movimenti parodistici, imbastire gag più adatte a un Rossini che a Mozart (particolarmente ridicolizzato è il personaggio del Conte, spogliato di ogni dignità, che si rotola sul letto e si dimentica le battute), banalizzando l'insieme anziché aggiungervi un ulteriore strato di profondità. Ogni atto sembra sfoggiare uno stile diverso dal precedente, tanto nei costumi quanto nelle scenografie: si passa da una casa in costruzione, con le impalcature a vista, alla camera tipicamente settecentesca della Contessa, poi imbiancata e trasformata in un fondale astratto. E non parliamo delle trovate coreografiche: Figaro monta un lettino seguendo le istruzioni dell'Ikea, il "Farfallone amoroso" ha come scorta una marcia di segretarie impettite, il gabinetto della Contessa è un armadio, Cherubino si nasconde sotto la gonna di Susanna, sia il Conte che Figaro cantano le rispettive arie con la presenza in scena – a mo' di simulacro – del rivale cui sono rivolte (un'idea, quest'ultima, che in fondo ha il suo perché). Certe grida dal Loggione sono parse esagerate: dopo tutto lo spettacolo è abbastanza innocuo e non particolarmente scandaloso (in passato, in altri teatri europei, si è visto ben di peggio), a parte alcune allusioni sessuali durante le avances di Figaro alla finta Contessa. Il vero problema è che stilisticamente si salta troppo di palo in frasca, lasciando lo spettatore a chiedersi che tipo di allestimento ha visto, né d'epoca né del tutto moderno. Si salvano, come dicevo, i cantanti. Ovazione, in particolare, per Diana Damrau (la Contessa) dopo la grande aria "Dove sono", ma bene anche Carlos Álvarez (il Conte, che in alcune serate sarà sostituito da Simon Keenlyside), Markus Werba (Figaro) e Golda Schultz (Susanna). Non eccelsa la sintonia con la direzione di Franz Welser-Möst, a tratti priva di brio.

lunedì 10 ottobre 2016

JoJo 4: Diamond is Unbreakable - Nuove sigle

La quarta parte della serie animata de "Le bizzarre avventure di JoJo", attualmente in onda in Giappone, ha visto darsi il cambio ben tre sigle d'apertura, praticamente una ogni 13 episodi (quella di chiusura è invece rimasta invariata).

La seconda sigla, "Chase", è interpretata dal gruppo Batta.


La terza sigla, "Great Days", è cantata da Karen Aoki e Daisuke Hasegawa.

martedì 27 settembre 2016

Hirohiko Araki, "The Prestige" e "Matrix"

Quando nel 2006 vidi "The Prestige", il film di Christopher Nolan sul mondo dell'illusionismo, mi fece subito pensare al manga "Le bizzarre avventure di JoJo" di Hirohiko Araki: non solo per le molte trovate... bizzarre, appunto, ma anche per la presenza di una figura come Nikola Tesla, al quale il fumettista nipponico aveva dedicato una biografia illustrata. Ora ho scoperto che in effetti, all'epoca della distribuzione del film in Giappone, Araki aveva persino realizzato delle illustrazioni al riguardo: ecco una serie di ritratti dei vari personaggi della pellicola.



Già che ci siamo, questa è invece un'illustrazione, sempre di Araki, che mette a confronto il Neo di "Matrix" con la Jolyne Kujo della sesta serie di "JoJo".


giovedì 4 agosto 2016

Diamo i numeri (481-540)

Proseguiamo con i film con un numero nel titolo! Per ora, dei sessanta compresi fra il 481 e il 540 ne ho trovati 47, ne mancano dunque 13. Il numero 483 è in realtà la registrazione live di un concerto, in attesa di trovare qualcosa di meglio...

Qui i film da 1 a 60.
Qui i film da 61 a 120.
Qui i film da 121 a 180.
Qui i film da 181 a 240.
Qui i film da 241 a 300.
Qui i film da 301 a 360.
Qui i film da 361 a 420.
Qui i film da 421 a 480.